PAESI FIRMATARI DELLA CONVENZIONE ATA

Per visionare l'elenco aggiornato collegarsi a:


Informazioni utili

USA - Obbligo di registrazione merci via mare
A partire dal 26.1.2009 tutte le merci accompagnate da Carnet ATA che arrivano negli Stati Uniti via mare saranno soggette ad una procedura di registrazione chiamata Importer Security Filing .

Tale registrazione dovrà essere presentata alle Autorità doganali statunitensi e al Customs Border Protection nelle 24 ore precedenti al carico della merce sulla nave in partenza per gli Stati Uniti.

La dichiarazione può essere trasmessa solo per via telematica e gli organismi statunitensi potrebbero richiedere anche una garanzia conto terzi.

Per ulteriori informazioni contattare: 
World ATA Carnet Council

USA - Importazione di pietre preziose
A partire dall'1.10.2008, le Autorità doganali statunitensi non consentiranno l'importazione di rubini o di giada di origine birmana, siano essi montati o sfusi.

Le spedizioni di tali oggetti saranno sequestrate all'atto dell'importazione dalle Autorità doganali statunitensi, e non potranno essere rilasciati Carnets ATA per le citate pietre preziose destinate ad essere importate negli Stati Uniti.

USA - Compilazione lista generale merci
Le Autorità doganali statunitensi hanno nuovamente richiamato l'attenzione sulla compilazione della lista generale delle merci accompagnate da Carnets ATA italiani, in quanto continuano ad avere difficoltà nella rilevazione ed individuazione delle merci parzialmente/totalmente importate, perché non sempre riconducibili a quelle menzionate sulle copertine verdi dei Carnets.

Al fine di evitare il ripetersi di tali situazioni, si rende necessaria l'osservanza delle seguenti regole per la compilazione della lista generale dei Carnets ATA con destinazione U.S.A.:

  • la lista dovrà essere compilata in inglese o in doppia lingua (Italiano/inglese)
  • la descrizione degli articoli dovrà essere la più dettagliata possibile, indicando il modello, il numero di serie, il peso ed il valore;
  • Ogni volet dovrà essere dotato della lista completa delle merci: in caso di importazione parziale dovranno essere depennati gli articoli che non verranno presentati in Dogana e nella relativa dichiarazione doganale, nella casella "F" del volet, dovranno essere indicati gli articoli effettivamente importati.
USA - Importazione di quadri
Le Autorità doganali statunitensi, non avendo aderito alla Convenzione ATA relativamente all'utilizzo "fiere e mostre", consentono soltanto l'importazione di merci identificabili come "campioni commerciali" o "materiale professionale". 
L'Associazione garante statunitense ha tuttavia confermato che le proprie Autorità doganali accettano normalmente il Carnet ATA per l'importazione temporanea di quadri a condizione che sul documento doganale vengano indicate entrambe le voci "campioni commerciali" e "fiere e mostre".

E' quindi possibile rilasciare Carnet ATA agli operatori interessati ad importare dipinti negli Stati Uniti apponendo sulla copertina del documento entrambe le diciture sopra citate. Qualora, al momento dell'importazione, le Autorità doganali statunitensi dovessero sollevare obiezioni all'operatore sulla definizione di "fiere e mostre", lo stesso potrà sostenere che la Convenzione sull'utilizzo "fiere e mostre" è riferita ad altri Paesi che si intendono visitare, in un prossimo futuro.

FEDERAZIONE RUSSA - Difficoltà uso del Carnet ATA
L'uso del Carnet per campioni commerciali, risulta fortemente osteggiato da parte dell'Associazione garante russa e accettato solo in caso di Fiere e Mostre ufficialmente riconosciute. A tal proposito, l'Unioncamere nazionale ritiene opportuno sospendere il rilascio di Carnets ATA in quanto anche nella circostanza di Fiere e Mostre, ritenuta ammissibile, gli operatori potrebbero incontrare delle difficoltà con le Autorità doganali locali. Sarà, dunque, lasciata all'Azienda la scelta di utilizzare o meno il Carnet. La Camera non assume, comunque, alcuna responsabilità rispetto all'eventuale rifiuto da parte delle dogane russe, cui solo competete l'accettazione della procedura doganale ATA.

INDIA - Carnet ATA per fiere
Le Autorità doganali indiane accettano i Carnets ATA rilasciati per mostre e fiere soltanto se le stesse vengono riconosciute dall'ITPO:

ITPO - Indian Trade Promotion Organisation 
Pragati Bhawan Pragati Maidan - New Delhi 110001 - INDIA 
Tel.0091.113315277 Fax. 0091.113371872 

Le Autorità doganali indiane accetteranno la presa in carico anche di quei Carnets ATA da utilizzarsi per fiere e mostre ad uso privato, purché il Titolare, o chi lo rappresenta, sia dotato dell'invito da parte della ditta indiana organizzatrice dell'Evento, da presentare all'atto delle formalità necessarie.

IRAN - Società accreditata per le formalità doganali dal 6.5.2009
La World Chambers Federation di Parigi ha divulgato una comunicazione proveniente dall'Ente Garante per i Carnets ATA in Iran, contenente i riferimenti della Società accreditata presso la suddetta associazione per portare a termine le formalità doganali:

Tchakad Mehr Int'l Trans Co 
General Manager - Mr. Babak Amali 
Tel / Fax : 0098-21-88926054 88926055 
Mobile : 0098-912-1004080 / 0098-912-2094105 

CINA - compilazione Carnet ATA
L'utilizzo del Carnet ATA in Cina è consentito esclusivamente per la temporanea importazione di merci destinate a fiere e mostre .

Le Autorità doganali cinesi fissano una data limite di sei mesi entro la quale le operazioni di riesportazione devono essere completate. Tale periodo può essere esteso alla durata massima di dodici mesi del Carnet ATA solo dietro autorizzazione delle stesse Autorità doganali.

Al fine di facilitare il controllo delle merci e, di conseguenza, di snellire le procedure di importazione in Cina, le autorità doganali estere richiedono necessariamente la compilazione della lista delle merci elencate nel Carnet in lingua inglese o cinese (in caso contrario le Autorità competenti potrebbero richiederne una traduzione in lingua cinese), con caratteri stampati e chiaramente leggibili.

In caso di Carnets compilati in lingua italiana , l'operatore dovrà munirsi di una traduzione in lingua inglese della lista generale delle merci. L'inosservanza di tale accorgimento rischia di provocare soste prolungate degli operatori presso i posti doganali all'atto della presa in carico dei Carnets.

CINA - Carnet CPD/Cina Taiwan
L'Associazione garante di Taiwan ha comunicato che, al fine di facilitare il controllo delle merci, e, di conseguenza, snellire le procedure d'importazione, le Autorità doganali estere richiedono una traduzione in inglese o in cinese della lista generale delle merci.

Per articoli di gioielleria, abbigliamento e vetri incorniciati privi di indicazioni relative alla lavorazione, oltre alla traduzione, è richiesta una descrizione dettagliata del prodotto o fotografie che possano essere esaminate dall'Ufficio doganale d'importazione.

Gli operatori sono invitati a dotarsi di quanto sopra richiesto, al fine di evitare problemi con le autorità doganali di Taiwan.

CINA - Carnet CPD a Taiwan
L'Ente Garante di Taiwan ha invitato gli operatori a compilare, in ogni sua parte, il Carnet nell'espletamento delle operazioni doganali di entrate nel Paese, presentando particolare attenzione alla sezione F/b , relativa alla prevista utilizzazione. 
Inoltre, sarà obbligatoria la presenza del timbro "Samples not for sale", sui campioni commerciali, in quanto, in caso contrario, le Autorità Doganali di Taiwan potrebbero richiedere il deposito di una cauzione per consentire l'entrata delle merci.